Italianistica Online Forum » Generale

Ne- pronome personale diretto e indiretto

(2 posts)
  • Started 9 years ago by Noriktal
  • Latest reply from alessandroaresti

  1. Anonymous
    Unregistered

    Buongiorno,

    Vorrei consultarLa anche in merito alla particella "ne" come pronome personale.

    Considero utile la descrizione del pronome "ne" come complemento diretto e indiretto:

    -diretto nel significato di un certo numero o certa quantita' di X: "É mozzarella di bufala? Non ne ho mai mangiata"

    -indiretto, come negli esempi seguenti:
    "Conosci il nuovo pediatra?- No, ma ne ho già sentito parlare."
    "Ho una vita molto agiata, e ne aprezzo i vantaggi."

    a)Questa descrizione (specie la descrizione del primo esempio come complemento diretto) e' generalmente accettata?

    b)L'accordo del participio quando il "ne" ha significato diretto e' obbligatorio (similmente ai pronomi lo, la, li, le) o facoltativo? (esempio: "É mozzarella di bufala? Non ne ho mai mangiata")

    c)Secondo Serianni ( Italiano, VII, 63) nei gruppi di pronomi con ne (me ne, te ne...), essa svolge sempre la funzione di complemento indiretto (o avverbio locativo). Credo che questa descrizione valga per esempi come " Elena, vai tu dalla nonna a prendere lo sformato di melanzane? Te ne prego?!". Ma nell'esempio seguente, ne e' un complemento diretto, no? " Ci sono solo sette cioccolatini nella scatola. Ve ne siete presi tre, no?. Allora, anche nei gruppi, ne puo' essere l'oggetto diretto?

    Grazie ancora una volta,

    Noriktal

    Posted 9 years ago #
  2. alessandroaresti
    Moderator

    a) In tutti gli esempi “ne” corrisponde al modulo “di + pronome personale di 3a persona”: “non ne (di essa) ho mai mangiata”, “ne (di lui) ho già sentito parlare”, “ne (di essa) apprezzo i vantaggi”: quindi si può parlare solo di complemento indiretto.
    b) Non è obbligatorio. In questo caso è possibile anche la frase “Non ne ho mai mangiato”.
    c) Anche qui, stesso discorso: “ne” corrisponde a “di + pronome di 3a o 6a persona”: “Te ne (di ciò) prego”, “Ve ne (di essi) siete presi tre”. Nel secondo esempio “ne” è un partitivo.

    Alessandro Aresti

    Posted 9 years ago #

RSS feed for this topic

Reply

You must log in to post.